Un luogo comune sulla “pallina magica” per bucato

Biowashball“La Biowashball (pallina “magica” per lavare indumenti in lavatrice) è un dispositivo valido”

Sull’efficacia di lavaggio, ecco due links che ne parlano in modo autorevole: Biowashball-una-palla e biowashball-ne-parla-[…] . Li pubblichiamo con il permesso dell’autore, il giornalista Paolo Attivissimo. Ad essi facciamo un’unica aggiunta, riguardante le presunte proprieta’ disinfettanti.

Il fatto che la Biowashball possa deodorare i capi e trattenere qualche particella di sporco e’ probabilmente da attribuirsi a fenomeni di adsorbimento da parte delle ceramiche porose contenutevi. Il fatto pero’ che tale dispositivo sia in grado di eliminare i germi patogeni nell’acqua della vostra lavatrice” e’ un’affermazione quantomeno pericolosa a farsi: nella lavatrice sono presenti tubazioni che svolgono un effetto “sifone”, per cui non si svuotano mai dall’acqua e, soprattutto per questa ragione, la macchina andrebbe lavata con un agente disinfettante (candeggina diluita o simili) ogni qualche mese, per evitare il proliferare di batteri e muffe; l’utilizzo del detersivo a ogni lavaggio tutela solo in parte da questa proliferazione. Gli utenti potranno facilmente immaginare che cosa puo’ succedere in una lavatrice se si lavano i capi (specialmente la biancheria intima) con un agente lavante di scarsa efficacia…

… o anche con sola acqua: a lungo andare, senza che ce ne si accorga ci potra’ essere proliferazione di batteri e funghi, alcuni dei quali introdotti tramite i nostri stessi capi di vestiario.

Cio’ che intendiamo dire e’: non serve disinfettare la macchina a ogni lavaggio (i nostri anticorpi ci proteggono a sufficienza da quei pochi batteri presenti, a patto che si usi abitualmente un detersivo efficace e che ogni tanto si lavi la macchina con un po’ di candeggiante), ma non e’ neppure il caso di lavare solo con acqua, trasformando la macchina in un’incubatrice per microorganismi

Lascia un commento